Suunto 9 Peak : recensione completa, caratteristiche, consigli, opinioni, prezzi

Il Suunto 9 Peak è ora più sottile, più piccolo e più resistente. Con linee pulite e discrete e un look molto minimalista.

All’esterno tutto è nuovo (sensore di pulsazioni incluso), ma il software si presenta anche con un paio di nuove funzionalità: Ghost Runner e soprattutto Snap to Route. Tuttavia nessuna di queste due caratteristiche è esclusiva del 9 Peak, sono arrivate anche al Suunto 9 e al Suunto 5, che è un gesto molto bello da parte di Suunto verso i suoi attuali clienti.

Più piccolo, più leggero, più resistente. Tutte le caratteristiche del Suunto 9 Baro in un formato più piccolo. Con miglioramenti software (che si sono fatti strada nel resto della gamma) e un’app che finalmente inizia a essere all’altezza dell’hype. In questa recensione puoi scoprire tutti i dettagli su come funziona il nuovo modello Suunto.

SUUNTO 9 Peak Orologio GPS multisport con batteria di lunga durata e misurazione della frequenza cardiaca al polso, Nero
  • Orologio GPS ultrasottile, piccolo ed estremamente resistente, Realizzato con materiali di altissima qualità per le avventure e gli sport estremi all'aperto, Prodotto in Finlandia con 100% di energia rinnovabile
  • Modalità intelligenti di funzionamento della batteria per un max. di 170 ore di autonomia, Impermeabile fino a 100 m, Misurazione dell'altitudine barometrica, Cardiofrequenzimetro e saturazione ossigeno per acclimatamento a quote elevate
  • Monitoraggio di attività giornaliere e del sonno nell'app Suunto, Per oltre 80 sport diversi, App Suunto per la pianificazione degli itinerari in base a Heatmaps per individuare i luoghi migliori per corsa, escursioni, ciclismo e altro
  • Controllo della musica dal polso, Facile da collegare alla Suunto App o alla vostra app preferita, Possibilità di condividere dati con le vostre community, Accesso ad analisi degli allenamenti e istruzioni
  • Contenuto: 1 Orologio multisport unisex Suunto 9 Peak All Black, Con cavo di ricarica, Materiale: Silicone (cinturino), Acciaio inox, Vetro in cristallo zaffiro, Colore: Nero, SS050522000

Caratteristiche Suunto 9 peak

Due finiture della lunetta disponibili, acciaio e titanio grado 5
Dimensioni: 43 x 43 x 10,6 mm
Peso: 62 grammi in acciaio, 52 grammi in titanio
Lente in vetro zaffiro
Touch screen a colori, transflettivo
Dimensioni del display 1.2″, risoluzione 240×240 pixel
Illuminazione automatica del display con sensore di luce
Cinturino in silicone da 22 mm, design standard e sostituibile
Durata della batteria in modalità orologio: fino a 14 giorni
Durata della batteria in modalità smartwatch: fino a 7 giorni
Durata della batteria con 1 secondo di registrazione GPS: fino a 25 ore
Modalità di batteria personalizzabili per fornire autonomie di 50h/120h/170h
Ricarica veloce. Da 0% a 100% in 1 ora
Resistenza all’acqua: 100 m
Bluetooth 5.0
Nuovo chipset GNSS di Sony per prestazioni migliorate
Compatibile con GPS, GLONASS, Galileo, QZSS, Beidou
Nuovo sensore ottico di pulsazioni della LifeQ (stesso produttore del Suunto 7 con buoni risultati)

Per quanto riguarda le nuove caratteristiche specifiche in arrivo nel Suunto 9 Peak abbiamo queste:

Funzione Ghost Runner per una funzione lepre virtuale.
Nuova funzione “Snap to Route” in inglese
Stima della saturazione di ossigeno nel sangue per i test di acclimatazione all’altitudine
Aggiornamenti automatici attraverso la Suunto App, senza dover aggiornare attraverso il computer

Senza dubbio ciò che spicca di più è la riduzione delle dimensioni, qualcosa che non è nuovo per i top di gamma Suunto (stanno semplicemente recuperando le dimensioni dell’Ambit3 Peak) ma che, vedendo la tendenza che hanno seguito i loro ultimi modelli, è qualcosa che sorprende in un certo senso.

Ma sotto il nuovo look (ed è molto sexy, dobbiamo dire) ci sono anche nuove funzioni, la principale delle quali è la funzione “Snap to Route” che è arrivata anche sul Suunto 9. Non è qualcosa che userete durante i vostri allenamenti, né ha senso per un uso occasionale.

È più per giorni specifici o chiave, come i giorni di gara, ma è comunque una caratteristica molto interessante. Non preoccupatevi, ho preparato una sezione specifica per parlarvene, ma prima diamo un’occhiata generale a ciò che l’orologio ha da offrire.

Nozioni di base e funzionamento

A prima vista, ciò che risalta maggiormente del Suunto 9 Peak è sicuramente la sua dimensione. Rispetto a ciò a cui Suunto è abituata, il diametro dell’orologio è stato ridotto in modo significativo. Qui potete vederlo rispetto al Suunto 9 Baro.

Confronto Suunto 9 Peak – Suunto 9 Baro

La circonferenza dell’orologio è stata ridotta di ben 7 mm, dai 50 mm del Suunto 9 e del Suunto 9 Baro ai 43 mm del Suunto 9 Peak.

È anche molto più sottile, dato che il 9 e il 9 Baro sono spessi 16,8 mm e il 9 Peak è solo 10,6 mm.

Una tale riduzione delle dimensioni porta ovviamente a una riduzione del peso. Confrontandolo con il resto della gamma Suunto 9, il Peak è di 52 grammi per la versione in titanio (62 grammi per l’acciaio) rispetto ai 66,9 grammi del 9 Baro Titanium con cinturino in velcro (81 grammi per il cinturino in acciaio e silicone).

Qui ci saranno opinioni per tutti i gusti. Coloro che erano già abituati alle grandi dimensioni del Suunto sentiranno la mancanza dei 50 mm di “peluria”, mentre coloro che hanno un polso piccolo apprezzeranno molto le nuove dimensioni.

Ero uno di quelli che non era convinto delle nuove dimensioni, ma dopo più di un mese di utilizzo quotidiano del Suunto 9 Peak, sono molto contento di questo cambiamento.

L’unica cosa che perdiamo con questo ridimensionamento è una certa dimensione dello schermo. Ma il nuovo display da 1,2 pollici non è male, essendo la dimensione più comune tra i modelli concorrenti con questo diametro di orologio.

Ma soprattutto, la durata della batteria rimane intatta, offrendo la stessa del modello più grande, anche con il miglioramento della ricarica veloce (di cui parlerò più avanti).

Tornando all’orologio, il Suunto 9 Peak si distingue per il suo design ponderato. Molto più minimalista dei modelli precedenti, si distingue per l’estetica pulita della sua lunetta in acciaio o titanio.

Suunto 9 Peak – lunetta

Mantiene il controllo attraverso il suo touchscreen, insieme a tre pulsanti di controllo sul lato destro dell’orologio.

Suunto 9 Peak – Pulsanti

Anche questi pulsanti sono in metallo e hanno una sensazione molto piacevole. Si può davvero sentire quando li si preme e hanno un’ottima corsa.

Possiamo azionare l’orologio sia tramite i pulsanti che utilizzando il touch screen. Il funzionamento dell’orologio è lo stesso di qualsiasi altro Suunto 9, essendo un po’ lento nello scorrere i menu per quello a cui siamo abituati oggi. Non è qualcosa che lo rende impossibile da usare, ma si sente un po’ più lento di tutti i suoi rivali.

Un’altra nuova caratteristica del design è il sensore di illuminazione nella parte inferiore dello schermo.

Suunto 9 Peak – sensore di illuminazione

La visibilità del display è ragionevolmente buona. Durante l’allenamento non ho problemi (con la mia vista, che è buona), sia di giorno che di notte. Aiuta il fatto che Suunto ci permette di scegliere tra temi chiari e scuri per i display di allenamento, con quello chiaro che è molto più leggibile in tutte le condizioni.

Forse durante il giorno lo trovo un po’ più opaco del solito, ma non è un ostacolo al suo utilizzo.

E tralasciando la saturazione dell’ossigeno del nuovo sensore ottico di pulsazioni LifeQ, non ce ne sono davvero (il Suunto 9 è stato aggiornato con le nuove funzioni del Suunto 9 Peak). Ma solo perché non ci sono cambiamenti rispetto al Suunto 9 ora non significa che non ci siano cambiamenti rispetto a quando il modello è uscito qualche anno fa.

Anche se è stato oggetto di molte critiche, molte delle quali sull’App Suunto e la scomparsa di Movescount, la verità è che l’orologio ha ricevuto molteplici miglioramenti come la possibilità di utilizzare i satelliti GLONASS, Galileo e BeiDou, la stima del VO2Max, l’analisi del sonno, le metriche Firstbeat per mostrare il livello di stress e le risorse del corpo…

Ma soprattutto si è distinto SuuntoPlus, una nuova “sezione” all’interno dei profili sportivi dove sono state aggiunte molte funzioni, prima con metriche di terze parti (Strava e TrainingPeaks) e poi con nuove funzioni sviluppate da Suunto (Climb, Loop, Sprint, Safe…).

E per aggiungere a queste funzioni il Suunto 9 Peak ha portato anche Ghost Runner. Questa funzione è una sorta di “partner virtuale” che regola il ritmo target durante l’attività in base al primo chilometro della sessione di allenamento o alla media manuale di un giro. Opzionalmente si può anche usare un obiettivo di distanza o di durata.

Suunto 9 Peak – Ghost Runner

SuuntoPlus è stata una grande aggiunta perché ha portato molte caratteristiche che non erano presenti sull’orologio, in un modo che Suunto ha trovato facile e veloce da implementare. Tuttavia, per quanto riguarda alcune cose, mi sembra un po’ malriuscito.

La mia principale lamentela è che possiamo usare solo una funzione SuuntoPlus alla volta. E questo può andare bene per alcune funzioni, che sono più “app” (per esempio la funzione Loop). Ma per esempio l’orologio manca di campi dati come NP (Normalized Power) o IF (Intensity Factor), che possiamo avere se attiviamo l’opzione SuuntoPlus di TrainingPeaks (e che dobbiamo ricordarci di attivare OGNI SINGOLO ALLENAMENTO).

Ma se attiviamo la funzione TrainingPeaks per avere NP, o NGP (Normalized Graded Pace), non possiamo combinarla con la funzione Loop o Ghost Runner. Qui vorrei una maggiore integrazione con l’orologio stesso e alcune cose da integrare nell’attività stessa.

Un’altra lamentela storica degli utenti Suunto? L’incapacità di fare allenamenti a intervalli complessi. Possiamo solo fare allenamenti a intervalli di base creati direttamente dal menu dell’orologio dove si definisce l’intervallo di lavoro e di riposo insieme al numero di ripetizioni. Ma senza alcuna ulteriore complessità o ritmo obiettivo.

Suunto 9 Peak – Intervalli

Questo non è l’unico problema o reclamo storico. Un altro ha a che fare con l’uso di sensori. Il Suunto 9 Peak permette l’uso di tutti questi sensori Bluetooth (non ha ANT+):

Frequenza cardiaca
Potenza (corsa e ciclismo)
Velocità e/o cadenza
Pedometro

In altre parole, è compatibile praticamente con qualsiasi tipo di sensore esterno che utilizza il Bluetooth, la grande maggioranza oggi. Il problema è che per come è fatta l’implementazione, permette solo un sensore di ogni tipo, e se ne colleghiamo uno nuovo, scarterà il precedente. Questo può essere estremamente scomodo.

Prendiamo il mio caso come esempio. Ho diverse moto con potenziometri specifici. Prendo la bici da cronometro e accoppio il potenziometro. Il giorno dopo salgo sulla bici da ghiaia e faccio lo stesso, ma questo rimuove il potenziometro dalla capra. Così ogni volta che cambio bici dovrò cercare e accoppiare i sensori (e inserire le misure di pedivelle, ruote o altro se necessario).

Onestamente, nell’anno 2022 e con la quantità di sensori sul mercato (a prezzi molto più economici) mi sembra un errore enorme.

Terminando questa sezione di aspetti fondamentali del Suunto 9 Peak, mi rimane da parlare della Suunto App. Demonizzato molti mesi fa quando divenne l’unica alternativa dopo la scomparsa di Movescount, la verità è che è migliorato molto nel tempo.

C’è ancora del lavoro da fare, ma la quantità di informazioni che offre non è affatto come all’inizio. Questa è la vista della schermata principale quando si apre l’applicazione, con un mix di metriche proprie insieme ad altre di TrainingPeaks (CTL, ATL, Form).

Nella parte superiore possiamo vedere un riassunto delle metriche di allenamento, i dati di attività giornaliera, il sonno, ecc.

Una schermata molto interessante è quella del calendario, perché ci permette di vedere i totali per settimana, mese, anno… In essa possiamo vedere il riassunto totale delle attività, sport, ore, distanza, ecc. E un’ultima immagine che amo, con l’accesso alla mappa e i percorsi che abbiamo fatto durante il periodo selezionato.

Nello stesso calendario, se si seleziona il giorno abbiamo la ripartizione delle attività svolte, il riassunto dell’attività e del sonno, l’incidenza del recupero e del dispendio di risorse, ecc.

Un’altra cosa che mancava nell’App Suunto? La possibilità di accoppiare più di un orologio (per esempio, per poter utilizzare il Suunto 9 Peak e un Suunto 7 come orologio quotidiano). Bene, questa è un’altra cosa che è già stata aggiunta nell’ultima beta dell’app e sarà presto disponibile nella versione che chiunque può scaricare dal suo app shop.

Suunto App – Dispositivi multipli

Per quanto riguarda le basi dell’orologio, è il momento di parlare della nuova caratteristica del Suunto 9 Peak che è Snap to Route come appare nel menu dell’orologio.

Funzione Snap to Route

La funzione Snap to Route è probabilmente la funzione più interessante del Suunto 9 Peak. Ma non è un’esclusiva del 9 Peak, infatti è già arrivata sul Suunto 9 e sul Suunto 5 tramite aggiornamento software. Quindi, se avete uno di questi modelli, tutto ciò che segue si applica anche a loro.

Snap to Route consiste, sulla base di un percorso di navigazione, nell’adattare perfettamente i dati del passo e della distanza al percorso che è stato pianificato, evitando così gli errori del GPS causati da una cattiva ricezione o da un percorso complicato che ci dà informazioni non corrette.

È quindi necessario che prima di iniziare a correre si carichi un percorso nell’orologio. È una funzione di navigazione, quindi questa parte è essenziale. Quindi non è qualcosa di cui potrai approfittare nel tuo allenamento quotidiano in cui correrai ovunque tu voglia.

Non è qualcosa che userete regolarmente, non è progettato per questo. In effetti, il suo uso sarà molto sporadico, ma quando vi troverete in una situazione in cui la funzione “Set to route” ha senso, sarete molto grati di averla.

E quale potrebbe essere questa situazione? Principalmente nelle gare di montagna e su strada, e anche su qualsiasi altro percorso. Ma la situazione di fare una gara è la più chiara quando si tratta di spiegare a cosa serve.

Immaginate una maratona in una grande città, diciamo Chicago. Quando si corre lungo viali con grandi grattacieli, è probabile che si abbiano continui errori del GPS: scarsa ricezione, segnale che rimbalza sugli edifici, ecc. Aggiungete il fatto di passare attraverso gallerie, sotto ponti, ecc.

Ma non è necessario andare ai grandi eventi. Come vedrete di seguito, è ancora peggio nelle piccole città dove non ci sono grandi viali ma strade molto strette.

Questi errori fanno sì che la distanza registrata dall’orologio non sia corretta, quindi avrete anche problemi con le informazioni sul passo. Se hai mai corso una maratona (o anche una mezza maratona), hai probabilmente incontrato la situazione in cui il tuo orologio mostra il 20° chilometro quando ti mancano ancora 200 metri per raggiungere il cartello. Questo accade, tra le altre ragioni, a causa degli errori menzionati sopra.

Per dimostrare come funziona ho creato un percorso con curve che sapevo sarebbero state estremamente difficili per il GPS. Ho fatto il percorso direttamente con l’App Suunto, ma puoi anche importarlo da qualsiasi servizio collegato o tramite un file GPX.

Ho segnato i due punti in cui volevo rendere il test più specifico, con giri costanti prima su strade strette e poi su strade più ampie ma con edifici più alti.

Su quel tipo di percorso so che qualsiasi GPS avrà molteplici problemi. Le svolte sono costanti e in un tempo molto breve, la copertura satellitare sarà complicata e un errore si unirà all’altro. È certamente un test difficile per la funzione “Set to route”.

Avete già visto il percorso nell’immagine sopra, ecco il risultato ottenuto con il Suunto 9 Peak prima, confrontato con il record fatto dal Suunto 9 Baro senza caricare alcun percorso.

E per confronto, lo stesso punto registrato da un Garmin Forerunner 745.

Il tracciamento (e la registrazione dei dati) del Suunto 9 Peak è stato perfetto, esattamente dove sono andato perché è quello che avevo segnato sul percorso. Il Suunto 9 Baro fa il primo giro, ma da lì comincia a destabilizzarsi e al secondo blocco è completamente fuori posto.

Il tracciato del Suunto 9 Peak è praticamente perfetto. Dico praticamente perché non si può correre in modo così grigliato, nessuno fa le curve con un angolo perfetto di 90°.

Naturalmente tutto questo è basato su un algoritmo, e come ogni algoritmo ci possono essere casi estremi in cui il comportamento non è quello che ci si aspetta. E nelle immagini si vedono perfettamente, perché era un’altra delle cose che volevo testare quando sono tornato sulla strada.

 

Prossima domanda: e se deviassimo dal percorso previsto? L’algoritmo è impostato per “incollare” il sentiero percorso con il percorso segnato fino a un limite di 100m. In altre parole, se ci allontaniamo di 100 metri dal percorso pianificato, l’orologio si “stacca” dal percorso e inizia a usare il GPS in modo normale.

Lo si può vedere perfettamente in questa immagine. La freccia mostra dove avevi preparato il percorso e cosa ha registrato l’orologio.

Tuttavia, non ho preso la rotonda nel modo in cui era registrata sul percorso, ma dal lato sud della rotonda. Inoltre, invece di continuare dritto alla rotonda ho preso la strada inferiore. Sul grafico del Suunto 9 Baro (senza usare Snap to Route) si può vedere il percorso effettivo che ho seguito.

Cioè, mentre ero entro 100 metri dal percorso originale, l’orologio ha “schiodato” la mia traccia al percorso. Quando mi sono allontanato di 100 metri, l’orologio ha capito che avevo preso un percorso diverso e ha iniziato a usare il GPS in modo normale. Tutto questo era trasparente, senza indicazioni di alcun tipo sull’orologio (a parte dirmi che ero uscito dal percorso).

Caso successivo: e se ripassassiamo una parte del percorso? Beh, qui dipende da quello che abbiamo in programma. Se stiamo seguendo un percorso completamente segnato, non succederà nulla, perché l’orologio conosce la direzione da seguire in base alla distanza percorsa.

Ma il mio caso era diverso, perché avevo pianificato solo l’inizio del percorso, e il resto l’ho percorso al mio ritmo. Quindi, quando mi avvicino di nuovo al percorso, l’orologio avrà la tendenza a sovrapporsi di nuovo al percorso segnato.

Nella prima immagine ho indicato con una freccia la direzione in cui stavo andando (il vero percorso è quello della seconda immagine, quello registrato con il Suunto 9 Baro).

Come potete vedere, non appena ho raggiunto la zona in cui c’era una parte del percorso, la tendenza era quella di continuare di nuovo lungo quel percorso. L’orologio capisce che sì, siamo usciti, ma forse siamo rientrati nel percorso in quel modo. E infatti segna una curva che non ho fatto, perché è ancora all’interno dell’intervallo di errore possibile di 100m.

Una volta superati i 100 metri, il Suunto 9 Peak capisce che non è interessato a seguire quel percorso e torna a usare il GPS come al solito.

Ma sottolineo di nuovo che questo è perché non è un percorso completo quello che sto seguendo, ho semplicemente fatto un breve percorso e poi sono tornato su una sezione di esso. Se fosse stato un percorso completo di 13 chilometri questo non sarebbe successo.

Ovviamente questo è in città, dove le strade sono dove sono e non possono essere spostate. In montagna può essere un’esperienza diversa, perché magari il percorso è tracciato lungo un sentiero che è segnato sulla mappa, ma che in realtà è ormai nascosto dal sottobosco e dobbiamo usare un sentiero alternativo.

Se ciò accade e il percorso alternativo è a meno di 100 metri, l’orologio continuerà a seguire il percorso inizialmente segnato.

In breve, come potete vedere, è una funzione che non è perfetta, perché ci sono sempre modi per ingannare l’algoritmo e farlo impazzire. Ma “se non si scherza”, il disco sarà perfetto rispetto al piano inizialmente segnato.

Non è qualcosa che è destinato ad essere usato ogni giorno. Non è nemmeno qualcosa che userete ogni settimana. È per un uso sporadico, ma se sto correndo una gara e posso ottenere una distanza e un ritmo affidabili in questo modo, sarò eternamente grato. Indipendentemente dal fatto che più tardi, quando controllo la pista, vedo cose che non erano umanamente possibili, come fare curve a 90° perfettamente.

E confrontando con altri orologi mentre facevo il test posso confermare che, quando ci sono molte complicazioni, le differenze sia nel ritmo che nella distanza sono abbastanza evidenti. Questo, in una gara urbana, può davvero rovinare il piano di gara che hai in testa.
Autonomia e ricarica veloce

Nonostante il ridimensionamento, il Suunto 9 Peak offre esattamente la stessa durata della batteria del Suunto 9 e del Suunto 9 Baro. Naturalmente, ha ancora le stesse opzioni di profilo della batteria, e a seconda delle impostazioni scelte, si avrà più o meno durata della batteria.

Queste sono le modalità disponibili e l’autonomia per ciascuna di esse:

Modalità Performance – fino a 25 ore
Modalità Endurance – fino a 50 ore
Modalità Ultra – fino a 120 ore
Modalità Tour – fino a 170 ore
Personalizzato – Selezioniamo le opzioni che vogliamo utilizzare e ci dice quale sarà l’autonomia disponibile.

Per impostazione predefinita la modalità che sarà sempre attiva sarà la modalità Performance, a meno che tu non abbia creato una modalità personalizzata, nel qual caso sarà la modalità predefinita.

Suunto 9 Peak – Modalità batteria

Durante l’allenamento possiamo passare da una modalità all’altra in qualsiasi momento, e avremo anche messaggi di avvertimento se stiamo esaurendo la potenza per ricordarci che possiamo passare a una modalità a bassa potenza.

Ma non è importante solo la durata della batteria di un orologio. Lo stesso vale per il tempo di ricarica. Questo è un altro dei miglioramenti che Suunto ha incorporato nel 9 Peak: la ricarica veloce.

Secondo il produttore finlandese è possibile caricare completamente la batteria dell’orologio in 1 ora. Il Suunto 9 Baro aveva bisogno di molto più tempo.

Confermare se questo è il caso è molto semplice. Devo semplicemente lasciare che la batteria dell’orologio si svuoti completamente e poi ricaricarla cronometrandola.

In questa prima immagine si può vedere che sono le 10:24 e l’orologio è in carica da 20 secondi. Non ha ancora abbastanza energia per accendere il display.

Suunto 9 Peak – Ricarica veloce

15 minuti dopo (10:38) non solo l’orologio ha acceso il display, ma abbiamo il 43% della batteria disponibile. Ripeto, 43% disponibile in soli 15 minuti!

Sono molte ore di autonomia con l’uso del GPS (e diversi giorni come orologio). Quindi, se mai doveste scoprire che il vostro orologio è a corto di batteria poco prima di uscire per una corsa, non c’è nulla di cui preoccuparsi – quattro o cinque minuti di ricarica vi daranno abbastanza energia per farvi uscire per una corsa.

E poco meno di 58 minuti dopo l’orologio ha già raggiunto il 100% della batteria, e sono ancora le 11:21 del mattino.

Il Suunto 9 Peak è quindi pienamente conforme alle dichiarazioni del produttore e la batteria può essere completamente ricaricata in meno di un’ora.
Prestazioni GPS e sensore ottico di impulsi

Approfittando del fatto che ho avuto due modelli in prova questo agosto, sono stato in grado di utilizzare il mio lavoro con uno per analizzare l’altro e quindi facilitare il mio flusso di lavoro. Quindi i confronti che vedrete qui sotto sono gli stessi della recensione del Suunto 9 Peak.

Inizio questa sezione parlandovi del sensore ottico di pulsazioni del Suunto 9 Peak, perché è una novità assoluta per questo orologio. Suunto ha sostituito il sensore usato finora nei modelli precedenti, di Valencell, per usarne uno della società LifeQ. È lo stesso fornitore che hanno usato per il Suunto 7, ma non lo stesso sensore.

Suunto 9 Peak – Sensore ottico

Questo sensore fornisce anche la stima della saturazione dell’ossigeno nel sangue, qualcosa che è diventato di moda ultimamente e che finora nessun orologio della gamma Suunto aveva.

Per vedere i dettagli della saturazione di ossigeno, nella schermata principale dell’orologio, dobbiamo scorrere verso il basso con il pulsante. Nella prima schermata troviamo la frequenza cardiaca istantanea, e se premiamo il pulsante principale, accediamo al grafico delle ultime 12 ore.

Suunto 9 Peak – Frequenza cardiaca

Se invece di premere il pulsante scorriamo sullo schermo, accediamo alla nuova funzione di stima della saturazione di ossigeno (SpO2).

Suunto 9 Peak – SpO2

Questo è sul lato dell’orologio, per quanto riguarda l’applicazione abbiamo due problemi. Il primo è che anche se il sensore è sempre operativo e possiamo vedere la frequenza cardiaca istantanea, l’app registra solo intervalli di 10 minuti. Tutto quello che succede in quel lasso di tempo scompare, quindi si perde un bel po’ di capacità di analisi dopo il fatto.

La situazione con la stima della saturazione di ossigeno nel sangue è ancora peggiore. Anche se si può prendere la misura in qualsiasi momento, non viene memorizzata da nessuna parte. Puoi scriverlo sul tuo braccio e fare una tabella di dati, perché né l’app né l’orologio li memorizzeranno.

L’uso principale di questa funzione è quello di registrare l’acclimatazione mentre si sale. Man mano che si guadagna quota è una metrica interessante per vedere come ci si sta acclimatando e, se la concentrazione di ossigeno nel sangue scende troppo in basso, indicherà che si dovrebbe fare una pausa per permettere al corpo di abituarsi all’altitudine.

Indipendentemente da questi aspetti, ciò che conta di più per voi sarà l’affidabilità della registrazione della frequenza cardiaca durante l’allenamento. Soprattutto considerando che il vecchio sensore ottico Valencell non era molto preciso.

Dovete tenere a mente che un cardiofrequenzimetro da polso non funziona allo stesso modo su tutti i corpi. Siamo tutti diversi, e se si gettano nell’equazione cose come il tono della pelle, i tatuaggi, i peli del corpo… la differenza da persona a persona può essere abbastanza grande.

Nei miei test non è che lo spettro di utenti sia molto ampio: siamo solo io e me stesso. Quindi ciò che funziona bene per me può non funzionare bene per qualcun altro, o può essere migliore.

Ma la cosa più importante da tenere a mente è che ci sono linee guida da seguire quando si indossa il sensore. Dovrebbe essere stretto (ma non così stretto da interrompere la circolazione), abbastanza in modo che l’orologio non si muova liberamente sul polso. Lasciando uno spazio di circa un dito di larghezza dall’osso del polso. Rispettando questi dettagli vi assicurerete di ottenere i migliori risultati che le vostre condizioni hanno da offrire.

È anche importante capire che mentre un sensore di pulsazioni sul petto esegue una misurazione efficace, il sensore ottico stima la nostra frequenza cardiaca. In questo articolo spiego tutto questo in modo più dettagliato.

 

Confronto sensori ottici Garmin Forerunner 945 LTE – Suunto 9 Peak

Tranne intorno al minuto 18, quando il sensore Garmin HRM-Tri che indosso abbinato all’FR745 ha uno strano calo che dura solo un secondo, tutto il resto sono grafici abbastanza noiosi.

Piena coincidenza nei record fatti dai sensori ottici sia del Suunto 9 Peak che del Garmin Forerunner 945 LTE.

Ma come ho detto, è un allenamento semplice per un sensore ottico, dato che non ci sono grandi cambiamenti di intensità.

Così ora passo a un allenamento più impegnativo con un riscaldamento, serie di attivazione di 100m e infine serie di 800m fino a quando le mie gambe hanno detto basta nel settimo intervallo… Per questo allenamento, oltre ai sensori precedenti, ho incluso il sensore ottico Polar Verity Sense che registra autonomamente.

Confronto sensori ottici Garmin Forerunner 945 LTE – Suunto 9 PeakNonostante le esigenze dell’allenamento (più per me che per i sensori, come si può vedere nel grafico) non c’è alcun problema negli intervalli.

Forse un po’ più di esitazione nei periodi di riposo, che faccio camminando e che non è quello per cui i sensori ottici sono calibrati.

Tranne il resto del secondo intervallo di 800m dove il Polar Verity Sense ha un leggero ritardo, il resto degli intervalli sia il Garmin FR945 LTE che il Suunto 9 Peak li fanno perfettamente, ottime prestazioni da entrambi.

Ma parlando di allenamenti impegnativi… andiamo con un test di 10k. Il tipo che fa male e pretende tutto…

Fondamentalmente l’allenamento consiste in un riscaldamento di 3 km (il periodo iniziale), seguito da cinque brevi intervalli di 200 m per preparare il corpo alla tempesta, e poi la prova dei 10 km.

Quello strano tuffo alla fine del primo intervallo di 200 metri è che ho fermato gli orologi per aspettare la mia lepre durante il test, riprendendo l’allenamento non appena eravamo pronti per il lancio.

La parte che ho segnato con la freccia è la parte specifica del test dei 10k, che è dove ci sono più differenze nei sensori.

L’inizio del test con i tre sensori ottici (entrambi gli orologi erano accompagnati dal Polar Verity Sense) è buono, ma intorno al minuto 40 le differenze iniziano a mostrarsi. Espanderò questa parte di seguito.

Qui l’intensità è già alta, spingendo la macchina al massimo. Ed è allora che appaiono alcuni problemi. Non è che ci sia molta differenza tra i tre grafici, ma nessuno dei tre coincide. Forse è a causa della cadenza, forse è a causa di essere forzato e fare movimenti più bruschi, ma la verità è che dopo 10 minuti di test è quando le differenze cominciano ad apparire.

Quale dei tre è quello giusto? Non posso dire un vincitore, perché non c’è un solo grafico che corrisponde.

Per quanto riguarda il ciclismo abbiamo la stessa situazione di sempre, i sensori di impulsi ottici sono troppo irregolari. Quando facciamo un allenamento di intensità, la performance è buona.

Per esempio questo allenamento di 3 ore con serie in salita. Mentre c’è intensità i grafici di Suunto 9 Peak e Garmin Forerunner 945 LTE corrispondono perfettamente al sensore HRM-Tri abbinato al Garmin Edge 830.

Ma quando è il momento di fare una pausa o l’intensità diventa troppo variabile (discese, guida nel traffico, ecc.) i problemi ritornano.

Per la maggior parte delle sessioni di allenamento ho avuto buone prestazioni dal sensore ottico, almeno sulla corsa. Quando si tratta di correre, è vero che ho avuto alcuni incidenti che non ho avuto con altri sensori, che normalmente funzionano correttamente in casa. Ma per l’esterno, il sensore di pulsazioni sul petto è essenziale, proprio come con qualsiasi altro orologio.

Forse anche in quegli allenamenti ad alta intensità, ma è vero che ho solo un singolo campione di quelli, e non troppa voglia di ottenere più campioni in condizioni simili :-D.

Dove posso dire che ha una performance totalmente sbagliata è durante il nuoto. Qualcosa che non è sorprendente, dato che i produttori stessi già dicono che i risultati possono essere cattivi, ma solo per confermarlo.

Proprio come i test dei sensori ottici che avete visto sopra, i confronti GPS sono fatti allo stesso modo: con gli orologi che mi accompagnano nei miei allenamenti regolari. Indossando sia il Suunto 9 Peak che altri orologi e controllando dove appaiono i problemi.

Non ho un percorso stabilito per stabilire un punteggio per la semplice ragione che ci sono altri fattori esterni che non dobbiamo mai dimenticare. Cose come le nuvole, le foglie sugli alberi o semplicemente la posizione del satellite possono alterare i risultati del GPS da un giorno all’altro. È per questo motivo che preferisco fare questo tipo di confronto piuttosto che avere un percorso predefinito e valutarlo su quella base.

Inizio con un percorso un po’ diverso dal mio solito. Per il test, oltre al Suunto 9 Peak e al Garmin FR945 LTE, sono accompagnato dal Garmin Forerunner 745 (che è uno dei miei ultimi riferimenti grazie alle buone prestazioni del GPS).

 

Garmin Forerunner 945 LTE GPS a confronto – Suunto 9 Peak

Per questo test l’ho fatto apposta, fermandomi brevemente al punto di svolta per tenere le braccia sott’acqua un po’ più a lungo.

Il risultato è che sulla via del ritorno il Suunto 9 Peak non ha registrato un solo fix GPS, e solo quando sono uscito sulla spiaggia e ho aspettato un po’ che aggiungesse la distanza al totale delle attività, ho scritto un altro fix nel file.

Il 945 LTE invece fa quasi tutto bene, fino alla fine dell’allenamento quando succede qualcosa di simile al Suunto 9 Peak. Si può vedere una linea retta in direzione della spiaggia che non ha niente a che vedere con il percorso reale (quello segnato dal Vantage V2).

Per la maggior parte delle sessioni di allenamento ho avuto una prestazione abbastanza buona dal Suunto 9 Peak. No, non è perfetto (nessun GPS lo è), ma l’ho confrontato principalmente con altri due orologi con cui ho sempre avuto buoni risultati (745 e 945 LTE) e sono alla pari.

Dove non ho avuto buone esperienze è con il nuoto in acque libere. In tutti gli allenamenti di questo tipo ho avuto problemi. Ora, non so se questo è un caso specifico della mia unità o no, perché ho letto da altri utenti che non hanno questi problemi che ho incontrato.
Vuoi aiutare il sito? Acquista il tuo Suunto 9 Peak qui

Spero che questa recensione completa vi abbia aiutato a decidere se è un buon dispositivo per voi o no. Tutto il lavoro che faccio può essere visto gratuitamente, ma se volete sostenere il sito e il lavoro che faccio, il modo migliore per farlo è quello di acquistare il vostro nuovo dispositivo tramite i link qui sotto.

E se non lo compri oggi, ricordati di passare quando lo farai! Attraverso questi link non solo otterrete un prezzo molto competitivo e il miglior servizio clienti, ma riceverò anche una piccola percentuale senza costarvi soldi extra. Questo è ciò che mi permette di continuare a offrirvi prove come questa sul sito.

Non hai intenzione di comprarlo, ce l’hai già o Amazon non è un’opzione; ma ti piacciono i test che faccio e vuoi mostrare il tuo sostegno al sito? Allora considera la possibilità di iscriverti come membro VIP. Soprattutto aiuterai a sostenere il sito, ma godrai anche di vantaggi esclusivi.

Se avete domande, ricordatevi che avete la sezione dei commenti in fondo, dove cercherò di rispondere a tutte le vostre domande.
Recensione Suunto 9 Peak

Il Suunto 9 Peak è nuovo in quasi tutti gli aspetti, ma non sembra essersi evoluto molto dal resto della famiglia Suunto. Più piccolo, nuovo sensore, nuove funzioni… ma l’utente abituale di Suunto potrebbe avere l’impressione che sia esattamente lo stesso del suo Suunto 9 di qualche anno fa.

In un certo senso lo è. Il Suunto 9 Peak è arrivato non solo con una dimensione più piccola, ma anche con nuove caratteristiche: Set to Route, GhostRunner… ma questo è arrivato anche ai modelli precedenti tramite un aggiornamento.

Ma questo è un bene, proprio perché Suunto continua ad aggiornare i modelli precedenti con nuove funzioni. Sarebbe più impressionante se il nuovo modello avesse funzioni specifiche? Senza dubbio, ma proprio una delle cose che si rimproverano ai produttori è di non includere negli orologi funzioni per le quali sono perfettamente preparati.

Per quanto riguarda le sue dimensioni, ho avuto sentimenti contrastanti all’inizio. Ho pensato che mi sarebbe mancato lo schermo più grande, anche quello più grande. Ma la verità è che dopo settimane di uso quotidiano, posso dire che preferisco questa dimensione più piccola, piuttosto che il Suunto 9 Baro, che oggi è addirittura troppo grande.

Snap to Route è la nuova caratteristica più importante. Non è qualcosa che userete ogni giorno nel vostro allenamento. Potreste usarlo una o due volte all’anno. Ma se vi trovate in una situazione in cui potete usarlo, sarete molto grati di averlo. Non c’è niente di più fastidioso che correre una maratona e avere la sensazione di fare chilometri in più.

Dove Suunto potrebbe trovarsi in difficoltà è per quanto riguarda il prezzo e la concorrenza. È nella fascia di prezzo superiore, dove è facile trovare la famiglia Garmin Fenix 6 Pro nelle sue diverse dimensioni. E da lì in giù ci sono molte proposte di altre marche. È una sfida difficile. Ma allo stesso modo posso dirvi che attualmente le scorte sono molto limitate e si sta vendendo bene, quindi la strategia di prezzo scelta da Suunto sembra essere quella giusta.

Tutto sommato, il Suunto 9 Peak è un buon orologio (il migliore che Suunto abbia fatto fino ad oggi) e possono finalmente vantare una buona app. C’è ancora del lavoro da fare, come il supporto per l’interval training, che arriverà entro la fine dell’anno, e per favore… un migliore supporto per i sensori esterni. E oltre ad essere un buon orologio, bisogna anche dire che… è molto, molto bello.

 

Ultimo aggiornamento 2022-12-03 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API