Garmin Venu : recensioni e pareri del primo smartwatch con schermo AMOLED

Garmin Venu: Il primo orologio di Garmin indossabile con un display AMOLED. Oltre a ciò, rispecchia tutte le stesse nuove caratteristiche di Vivoactive 4, con capacità musicali che stanno diventando standard (incluso l’accesso offline sia a Spotify che ad Amazon Music), così come un mucchio di nuove caratteristiche relative ad altri tipi di allenamento come yoga & Pilates con istruzioni animate passo dopo passo per il movimento, il monitoraggio della frequenza respiratoria 24×7, la perdita di sudore stimata e, infine, il monitoraggio dell’idratazione.

Cosa c’è di nuovo:

Il Venu è una progressione della formazione Vivoactive.Con Vivoactive 4 condividono praticamente tutte le caratteristiche, e gli unici aspetti che differenziano il Venu sono quelli guidati dal display. Nel discutere le caratteristiche con Garmin, non ci sono caratteristiche associate al non display che siano in Venu che non siano in Vivoactive 4, o viceversa.

Garmin Venu Recensione

Garmin VENU - Smartwatch GPS, AMOLED, Music, Garmin Pay, Wi-Fi, Autonomia fino a 5 giorni
  • Luminoso display amoled con colori brillanti
  • Autonomia fino a 5 giorni
  • Scarica le tue p la y li st per ascoltarle anche senza smartphone
  • Compatibile con amazon music
  • Tieni traccia di tutte le tue attività grazie al gps e alle app per lo sport indoor integrate

– La musica ora è di serie: Inclusi Spotify, Amazon Music, Deezer e iHeartRadio
– Venu è dotato di un display AMOLED da 1,2“: Super vibrante, tanti colori
– Venu aggiunge anche la modalità ‘always-on’ nonostante il display AMOLED
– Aggiunto sensore di luce ambientale legato al nuovo display
– Aggiunto nuovo ‘Live’ watchfaces con piccole animazioni
– Aggiunto il pulsante secondario a lato: Usato per il giro, indietro, accesso al menu
– Aggiunto il tracciamento dell’idratazione per tracciare manualmente l’assunzione di liquidi con widget e app
– Aggiunto Stima della perdita di sudore dopo l’allenamento
– Aggiunto il tasso di respirazione per la misurazione di tutto il giorno e del sonno (e alcuni tipi di allenamento)
– Aggiunto esercizi di respirazione (molto diverso dalle semplici caratteristiche di stress respiratorio)
– Aggiunta la funzionalità di animazione dell’allenamento: Per Forza, Cardio, Yoga, Pilates
– Aggiunti nuovi allenamenti di Yoga e Pilates integrati: Include animazioni passo dopo passo
– Aggiunta la possibilità di progettare allenamenti di Yoga in Garmin Connect: Completo di animazioni di posa passo dopo passo
– Aggiunta la possibilità di progettare allenamenti di Pilates in Garmin Connect: Completo di animazioni passo dopo passo
– Aggiunto PulseOx per il monitoraggio dell’ossigeno nel sangue 24×7
– Widget aggiornato delle statistiche sanitarie simile agli ultimi modelli Fenix/Forerunner
– Passato al chipset GPS Sony
– Passaggio al sensore ottico HR Garmin Elevate V3
– Connect IQ Gli sviluppatori di IQ avranno accesso per creare watchfaces in diretta
Durata della batteria a 5 giorni di standby e 6 ore di GPS+Music

Come si può vedere, la stragrande maggioranza delle novità dell’orologio è molto meno focalizzata sull’atleta che è più comune nella formazione di Garmin Forerunner e Fenix, e invece si concentra un po’ di più sullo stile di vita dell’atleta che può essere più vario nella sua attività quotidiana – il che, ad essere onesti, è sempre stato il punto di forza/target della formazione Vivoactive, in quanto questo è all’interno di quella famiglia.

Per chi non ha familiarità con la formazione Vivoactive, ecco tutte le caratteristiche di base che si trovano sia su Venu & Vivoactive 4:

– Tracciamento GPS delle attività (nessuna dipendenza dal telefono)
– Tracciamento dell’allenamento di una serie di sport tra cui corsa, ciclismo, nuoto in piscina, sci, golf, palestra e molti altri (elenco completo in basso)
– Supporto all’allenamento strutturato tramite allenamenti scaricabili
– Intervalli rapidi al volo
– Supporto per il calendario
– Sensore ottico della frequenza cardiaca nell’orologio
– Tracciamento 24×7 di gradini, scale, calorie e distanza
– Notifiche per smartphone da iOS/Android
– Garmin Pay per pagamenti senza contatto

Dal momento del rilascio, molte di queste nuove funzionalità sono entrate a far parte della formazione del Fenix 6, e alcune anche dell’FR945 e dell’FR245 (di recente come aggiornamento oggi, infatti, per la frequenza respiratoria). Come è comune nell’ecosistema Garmin, non mi aspetterei che nessuna di queste nuove funzionalità possa tornare a far parte di Vivoactive 3. Naturalmente, i bit come lo schermo sono pilotati dall’hardware. Mi aspetterei, tuttavia, che Venu e Vivoactive 4 rimangano in gran parte bloccati nei loro aggiornamenti/caratteristiche del firmware.

Esiste in diverse versioni di colore:

Nero
rosegold
Argento/blu granito
Oro / Nero

Il bracciale è un bracciale standard di 20 mm, con una cerniera per sostituirlo in pochi secondi senza attrezzi. È strutturato, il che limita la comparsa di segni di usura.

I sensori sono usuali per un recente orologio GPS Garmin:

GPS / GLONASS / Galileo chip
Sensore Cardio + SpO2 (ossigenazione del sangue)
Altimetro barometrico (che non può essere calibrato manualmente)
Accelerometro e giroscopio

È possibile aggiungere sensori in ANT + o Bluetooth, Garmin implementa la doppia compatibilità per diversi mesi. A differenza del Polar Ignite che si limita ai sensori cardio (cintura o fascia ottica da braccio), il Venu supporta anche i footpod per la corsa e i sensori di velocità/cadenza per il ciclismo.

In termini di funzionalità, il Venu e il Vivoactive 4 sono identici. Troviamo quindi gli stessi widget:

Tempo: il quadrante dell’orologio, che può essere cambiato
La mia giornata: allenamento, numero di passi, numero di piani, calorie
Statistiche sanitarie: HR, stress, batteria corporea, frequenza respiratoria
Storia: dà accesso alle statistiche di ogni sessione sportiva
idratazione
Calendario
meteo
Notifiche
Lettore musicale
Garmin allenatore

frequenza cardiaca, pulsossimetro, monitoraggio del ciclo mestruale, batteria corporea, passi, minuti di intensità, ultimo sport, tappe, stress, calorie, ultima corsa, ultimo percorso (bicicletta), ultima nuotata, ultimo golf, ultimo allenamento, luci (Varia), respirazione.

Il Venu, ancor più del Vivoactive 4, è un orologio che vuole competere con orologi collegati come l’Apple Watch, versatile ma destinato ad atleti che non cercano la performance (per questo ci sono Forerunners e Fenix). Esistono quindi una ventina di profili sportivi, con la possibilità di creare ulteriori profili personali:

Corsa, tapis roulant, pista indoor
Bicicletta, allenatore a casa
Nuotare in piscina
Camminare, camminare in casa
Scale di arrampicata, cardio, trainer ellittico, stepper
Golf
Sci, snowboard, sci di fondo
bodybuilding
Yoga, pilates
Canottaggio, vogatore indoor, alzarsi in piedi con la pagaia

 

Il Venu ha connessioni Bluetooth e Wifi, che vengono utilizzate per accoppiare uno smartphone, un auricolare o per scaricare musica.

Il monitoraggio giornaliero è estremamente avanzato e comprende quasi tutte le funzionalità attualmente disponibili sul mercato,dalla frequenza cardiaca alla frequenza respiratoria, compresi i livelli di stress, il ciclo mestruale e l’idratazione.

Anche se Garmin non è un Samsung o un Apple, il Venu offre molte funzionalità connesse:

Notifiche intelligenti
Calendario
Meteo
Lettore musicale
Pagamento senza contatto
Scaricare le applicazioni

Le funzioni LiveTrack e Assistenza utilizzano la connessione di uno smartphone per fornire funzionalità rassicuranti durante le sessioni sportive.

Garmin Venu : recensioni e pareri del primo smartwatch con schermo AMOLED

Schermo del Venu

Il display AMOLED del Venu significa che ora sembra almeno la parte di uno smartwatch di fascia alta. Certo, Garmin ha avuto display a colori di vari livelli per anni, ma questo è simile a quello che si vedrebbe con un orologio Fitbit Versa o Samsung.

Il cambiamento chiave che abbiamo visto nel 2019, tuttavia, da quasi tutti gli orologiai si sta spostando verso i display AMOLED sempre in funzione. In precedenza, la maggior parte dei display AMOLED erano on-demand, il che significa che si spengono quando non li si guarda. Ma quest’anno abbiamo visto Fitbit, Apple e Garmin – unirsi a Samsung in quel reparto.

Garmin rimane 2-3 giorni in modalità always-on e più di 5-7 giorni senza il display always-on. Di solito faccio circa 2,5-2,8 giorni (inclusi di solito 1-2 allenamenti) prima che Venu muoia, quando è in modalità always-on. Mentre con l’opzione “always-on” disattivata sarei abbastanza vicino a coprire una settimana.

Quando si raggiungono le impostazioni ‘Non disturbare’ della sera (ad esempio da mezzanotte alle 7 del mattino), il display si spegne completamente. Nota, questo è opzionale – ma è l’impostazione predefinita. Questo va bene, però, in quanto consente di risparmiare un po’ di durata della batteria alla volta e non ne ho davvero bisogno.

Ora – un altro cambiamento rispetto al Vivoactive 3 è che il Venu ha due pulsanti. In precedenza ne aveva solo uno. Questo naturalmente in aggiunta al touchscreen. Non sono mai stato un fan del singolare design dei pulsanti. Ma i due pulsanti sono perfetti per il loro scopo, soprattutto nello sport (avere un tasto dedicato al giro contro il tasto start/stop).

Il touchscreen da 1,2 pollici AMOLED è infatti il grande punto di forza del Venu. Garmin utilizza tradizionalmente nei suoi orologi fitness pannelli MIP transflettivi, che privilegiano la visibilità all’aperto e la durata della batteria rispetto ai colori saturi e alle risoluzioni più elevate.

La qualità del pannello AMOLED è ottima. I neri sono profondi e i bianchi sono luminosi, e la nitida risoluzione 390 x 390 rende le animazioni sull’orologio davvero accattivanti dal punto di vista visivo. I bianchi sul display diventano rossi, ma solo con angoli di visione estremi. C’è anche un sensore di luce ambientale a bordo, quindi il display si adatta automaticamente alle condizioni di illuminazione.

Il display può arrivare fino a 1.000 nits, e la visibilità all’aperto è buona – non buona come i precedenti orologi Garmin con schermi transflettivi, ma è perfettamente accettabile.

Il passaggio ad AMOLED significa anche che il Venu non durerà a lungo come gli altri orologi fitness Garmin. Secondo la mia esperienza, non ha davvero influito troppo sulla durata della batteria. Il Garmin Venu dura circa cinque giorni con una sola carica con il display sempre acceso spento. È molto meglio del giorno o due che si ottengono con l’Apple Watch, Wear OS watches, e Galaxy Watch Active 2. Con il display sempre acceso, sono riuscito a far durare il Venu un po’ più di due giorni con una carica. Il vostro chilometraggio varia a seconda della frequenza di riproduzione musicale e dell’utilizzo del GPS, ma sappiate che probabilmente non dovrete ricaricare il Venu alla fine di ogni giornata.

Inoltre, una nota sul display sempre acceso. Garmin permette agli sviluppatori di creare il proprio (a differenza di Fitbit), quindi il display sempre acceso probabilmente corrisponderà sempre al quadrante dell’orologio che si sta usando.

A partire dall’aggiornamento software 3.40, il Garmin Venu dovrebbe ora avere una migliore durata della batteria con i quadranti dell’orologio Connect IQ di terze parti.

Lo schermo è completamente diverso da quello del Vivoactive 4 che ha lo stesso tipo di schermo del Forerunner e del Fenix. Si chiama schermo transflettivo, che consuma poca energia, facilmente leggibile in piena luce, ma scuro non appena la luminosità diminuisce.

Il Venu ha uno schermo AMOLED, che è costantemente illuminato. I colori sono quindi vibranti in tutte le situazioni, ad eccezione della luce diretta del sole. Un sensore di luce ambientale viene utilizzato per regolare l’intensità dello schermo in base all’ambiente circostante. Lo si può vedere molto bene quando si attiva lo schermo con un movimento del polso, a volte si illumina in condizioni di scarsa illuminazione e diventa più luminoso dopo un secondo. Si tratta quindi di uno schermo perfetto per l’uso in ambienti interni … ATTENZIONE dipendenti dalla palestra!

Poiché il tipo di schermo del Veuu consuma più energia, Garmin ha scelto, come tutti i produttori di orologi intelligenti, di tenerlo spento per la maggior parte del tempo per risparmiare la batteria. Si attiva ad intermittenza con un movimento del polso o con la pressione di un pulsante. Si spegne poi da solo dopo 5 secondi (ritardo di default breve, che può essere cambiato in media, lungo o molto lungo).

Lo schermo ha un diametro di 30,5 mm, come la maggior parte degli orologi GPS Garmin. Venu, quindi, non ha beneficiato dell’aumento delle dimensioni dello schermo di Vivoactive 4, Fenix 6 e Fenix 6X.

Ma la risoluzione di Venu è senza precedenti nella gamma di orologi GPS Garmin: 390 x 390 pixel! Anche il Fenix 6X ha solo uno schermo di 280 x 280. Su questo punto, Garmin ha optato per uno schermo di qualità molto migliore di Polar sull’Ignite (240 x 240). Quindi il Venu è chiaramente in competizione nel regno del Samsung Galaxy Watch Active (360 x 360).

Garmin Health Stats

Andando avanti, come la maggior parte degli altri oggetti indossabili di Garmin, si hanno a disposizione vari widget per la visualizzazione di varie statistiche (e anche queste possono essere estese con app di terze parti). Per esempio, ecco il Garmin Health Stats, che permette di vedere cose come la frequenza cardiaca, lo stress, la batteria del corpo e la frequenza respiratoria in un solo colpo d’occhio:

Oppure il widget ‘My Day’, che riassume la maggior parte delle metriche di base del vostro fitness:

Tracker per l’idratazione

Comunque, torniamo alle basi e alle novità. C’è il nuovo widget per il tracker dell’idratazione.

Il punto di tutto questo è in gran parte il tracciamento dell’acqua. Per chi cerca di perdere peso, uno dei modi migliori per sostenerlo è bere molta acqua.Vedrete il progresso del vostro obiettivo (come definito nelle impostazioni dell’app) all’esterno, e un po’ di animazione quando lo raggiungerete.

Se configurata, la Venu vi ricorderà ogni 2 ore (10.00, 12.00, 2.00, ecc…) di registrare quanto avete bevuto.

Garmin si sta avvicinando a questa caratteristica in modo molto simile alla funzionalità di tracciamento mestruale femminile che hanno aggiunto questa primavera passata in quanto tecnicamente è un widget Connect IQ che è precaricato sugli orologi Venu/Vivoactive 4.

Tracciamento della respirazione

Poi, ci sono le nuove caratteristiche di respirazione. Ora, a differenza delle tipiche caratteristiche “inspira ed espira lentamente” che abbiamo visto su vari orologi, questo è a un livello di respirazione completamente diverso, spesso chiamato respirazione consapevole. Per voi atleti di resistenza, pensate a questo come alla madre di tutti gli allenamenti strutturati. E infatti, lo troverete sotto la sezione allenamenti.

Ora in alcune attività otterrete anche i nuovi dati sulla frequenza respiratoria. La nuova funzione della frequenza respiratoria non richiede una fascia per la frequenza cardiaca e lavora costantemente dietro le quinte all’interno del sensore ottico FC per misurare la frequenza respiratoria.Potete vederla su un widget dedicato sull’orologio – incluso il trend degli ultimi 7 giorni:

Venu e Vivoactive 4 hanno la misurazione PulseOx, che si aggiunge alla crescente lista di orologi Garmin che ne hanno la capacità. È possibile attivarlo per misurare automaticamente 24×7, solo a riposo, o solo su richiesta:

Numero di allenamenti nel Garmin Venu

Nel caso di Garmin ci sono quattro tipi di allenamento (Forza, Cardio, Yoga, Pilates) con circa 41 diversi allenamenti strutturati tra loro. All’interno di questi, ci sono piccole persone animate che possono vedere le fasi esatte dell’allenamento.

Infatti, noterete che entrambi i campi dei dati relativi allo stress e alla frequenza respiratoria sono effettivamente disponibili lì – qualcosa di nuovo su Garmin wearables ed è specifico per lo Yoga. Dopo aver terminato l’allenamento, la schermata di riepilogo elencherà anche le pose, così come i tassi di respirazione. Ora i concetti generali di posture/animazioni sono essenzialmente gli stessi, sia che si tratti di yoga, Pilates, cardio o forza. Ovviamente le specifiche per ogni allenamento sono diverse, ma il modo in cui l’unità Garmin funziona è lo stesso. Con l’allenamento di forza, si ottengono anche informazioni specifiche.

Tuttavia, dove comincia davvero a diventare interessante è che è possibile creare il proprio allenamento da Garmin Connect/Garmin Connect Mobile:

Torniamo ora alle caratteristiche sportive più tradizionali. La Venu ha un mucchio di sport tra cui scegliere. Molti di questi sono personalizzati in base alle specifiche dello sport. Per esempio, la corsa è piuttosto semplice, ma qualcosa come lo sci alpino/snowboarding in realtà conterà automaticamente le vostre discese e le vostre verticali, fermandosi correttamente.

Per iniziare qualsiasi sport è sufficiente toccare una volta il tasto in alto a destra e selezionare il proprio sport, come ad esempio la corsa, dall’elenco.

Anche lo stato del GPS e il blocco del battito cardiaco verranno visualizzati in alto; se avete dei sensori accoppiati, mostrerà anche questo.

Crono: totale, circuito, ultimo circuito, circuito medio, tempo trascorso
Distanza: totale, circuito, ultimo circuito
Ritmo: istantaneo, medio, circuito, ultimo circuito
Velocità: istantanea, media, circuito, ultimo circuito, max
HR: istantaneo, avg,% HRmax, circuito,% HRmax circuito,% HRmax ultimo circuito,% HRmax ultimo circuito
Zona cardio, zona 1 tempo, zona 1 tempo, zona 2 tempo, zona 3 tempo, zona 4 tempo, zona 5 tempo
Cadenza: istantanea, media, circuito, ultimo circuito
Temperatura: istantanea, max 24h, min 24h
Altitudine, variazione di altitudine
calorie
circuiti
Ora dell’alba / tramonto
Ora
Lunghezze: totale, intervallo
SWOLF: avg, intervallo, ultimo intervallo, ultima lunghezza
Movimenti: ultima lunghezza, media per lunghezza, intervallo
Frequenza di movimento: media, intervallo, lunghezza dell’ultimo movimento
Scale: salite, discese, al minuto
Velocità di canottaggio: 500m, media 500m, circuito 500m, ultimo circuito 500m

Garmin Venu : recensioni e pareri del primo smartwatch con schermo AMOLED

Sensori per lo sport del Garmin Venu

Per quanto riguarda i sensori, supporta: frequenza cardiaca, cuffie, velocità/cadenza del ciclismo, pedana da corsa, Tempe (sensore di temperatura), luci per ciclismo ANT+, radar per ciclismo ANT+ e sensori per club di golf. Si noti che per la maggior parte di quelli sopra elencati supporterà entrambe le varianti Bluetooth Smart & ANT+.

Tornando alla schermata iniziale, se si desidera eseguire un allenamento personalizzato, basta strisciare dal basso per accedere alla sezione allenamenti.

E se volete personalizzare una qualsiasi delle vostre schermate sportive potete farlo all’interno delle impostazioni dell’orologio stesso (ancora non nell’app del telefono). Si ottengono tre schermate personalizzabili, ognuna con un massimo di 4 campi dati. Avrete anche uno schermo per la misurazione della frequenza cardiaca.

È possibile configurare ulteriormente bit come il giro automatico (basato sulla distanza), la pausa automatica, lo scorrimento automatico e il tipo di GPS (GPS/GPS+GLONASS/GPS+GALILEO):

Il Venu utilizza lo stesso chipset Sony di ogni altro orologio Garmin uscito nel 2019 (e di ogni altro orologio uscito nell’ultimo anno+ da Suunto, Polar e COROS). Arriveremo alla precisione del GPS più tardi.

Una volta pronti a correre, basta premere di nuovo il pulsante in alto a destra. Funziona come qualsiasi altro orologio Garmin, mostrandovi le vostre statistiche di corsa come il tempo, la distanza, il passo e qualsiasi altra cosa abbiate aggiunto.

Mentre c’è l’auto-lap, ci sono anche i giri manuali, che possono essere fatti semplicemente premendo il pulsante in basso a destra per innescare un nuovo giro. Per iniziare/fermare l’allenamento si preme il pulsante in alto a destra. Dopo di che vi sarà data l’opzione di salvare o scartare.

Tuttavia, viene trasmesso anche a Garmin Connect/Garmin Connect Mobile utilizzando il Bluetooth o il WiFi (a seconda del luogo in cui ci si trova). In questo modo, è possibile richiamare un numero maggiore di statistiche.

Per chi ha bisogno di essere guidato nel suo allenamento, è possibile utilizzare uno dei piani di allenamento di Garmin Coach. Questi piani sono costruiti dopo alcune domande di base (obiettivo, livello di partenza, numero di sessioni settimanali, ecc.).

Tra le impostazioni, ci sono anche:

Giri automatici
Giri manuali (1 pressione del pulsante in basso)
Pausa automatica
Allarmi programmabili (HR, ritmo, tempo, distanza, cadenza, calorie, camminare/corsa, bere, mangiare, tornare a casa, girarsi)

Il mio rammarico è che Garmin non abbia sfruttato la qualità dello schermo. Tuttavia, quando si consulta l’indicatore delle risorse umane, si vede immediatamente che i colori sono più pronunciati rispetto allo schermo transflettivo di Vivoactive 4.

L’illuminazione dello schermo è veloce e non abbiamo, come su alcuni orologi, una latenza per l’aggiornamento dei dati sullo schermo. Così non si tiene il polso fermo per troppo tempo mentre si corre.

Al termine dell’allenamento, il riepilogo : distanza, tempo, ritmo, calorie, passi, HR. Se scaviamo un po’ nei menu, possiamo anche visualizzare i tempi di ogni giro e la distribuzione in ogni zona HR. Detto questo, si trovano ancora più dati una volta che l’attività è stata trasferita a Garmin Connect.

Altri sport

Venu incorpora molti di profili sportivi e integra anche un altimetro barometrico per fornire tipi di dati specifici per sport specifici come quelli legati al nuoto e al canottaggio.

Il profilo di bodybuilding è molto più avanzato di quello che si trova su orologi collegati di altre marche.

Per cominciare, il Venu è in grado di farlo:

Individuare il tipo di esercizio (più o meno buono)
Conta il numero di ripetizioni (più o meno bene)
Conta il numero di serie

Garmin ha già creato alcune sessioni di formazione pre-programmate. Su ognuna di esse, un’animazione presenta il movimento da eseguire sullo schermo. Successivamente, è possibile programmare qualsiasi sessione su Garmin Connect tra i quasi 250 movimenti disponibili e la possibilità di specificare il peso da utilizzare e il numero di ripetizioni. Ma nel caso di allenamenti personalizzati, non ci sarà alcuna animazione.

Il rilevamento automatico non funziona altrettanto bene su tutti i tipi di movimento. Ad esempio, funziona meglio con movimenti più grandi e meno dove c’è più movimento del polso. In quest’ultimo caso, è poi necessario correggere manualmente il numero di ripetizioni. Con tutto questo registrato correttamente, Garmin Connect si trasforma in un ottimo quaderno di allenamento.

I profili di yoga e pilates funzionano esattamente allo stesso modo, con animazioni, sessioni pre-programmate e creazione di sessioni personali.

Il profilo di sci è in grado di rilevare salite e discese. Registra quindi molti dati sulle vostre discese (il numero, la distanza, la velocità massima, ecc.) e si ferma automaticamente quando utilizzate gli impianti di risalita.

Garmin Venu : recensioni e pareri del primo smartwatch con schermo AMOLED

Sincronizzazione con Strava MyFitnessPal

E se hai impostato il tuo account per la sincronizzazione con Strava, TrainingPeaks, MyFitnessPal o uno qualsiasi dei numerosi altri siti – si vedrà immediatamente anche lì.

Infine, vale la pena di notare che la Venu contiene nuove caratteristiche di sicurezza e tracciabilità Garmin.

 

Funzioni di sicurezza emergenza ed assistenza

Rilevamento degli incidenti: Se si va a sbattere con la bici, o si cade mentre si corre e si cammina (si può configurare individualmente)
Avvisi di assistenza: Invierà un avviso di emergenza ai contatti predefiniti con la vostra posizione GPS in tempo reale

Gli avvisi di assistenza sono basati liberamente sulle funzioni di LiveTracking di Garmin, che sono anche disponibili (in modo da poter condividere la propria posizione dal vivo con gli amici/familiari ogni volta che si inizia un allenamento). Anche in questo caso, l’obiettivo principale degli avvisi di assistenza è che se ti trovi in un posto che non ti senti sicuro e vuoi far sapere a qualcuno in modo semi-discriminato che potresti essere nei guai, tenendo premuto il pulsante in alto a destra per tre secondi si avvia il processo di avviso. Tuttavia, tutti questi richiedono che il vostro telefono cellulare sia a portata di mano (dato che lo usa per la connettività cellulare).

Tuttavia, inversamente, il Venu/Vivoactive 4 ha in realtà un altimetro barometrico, mentre l’FR245 non ce l’ha. Una stranezza un po’ strana nella gerarchia degli orologi Garmin. Inoltre, l’FR245 non ha nemmeno lo yoga avanzato, il Pilates o le animazioni correlate.

Supporto alle funzioni musicali

Venu si unisce agli altri capi indossabili di Garmin per avere un supporto musicale integrato. Ciò significa che è possibile abbinarlo alle cuffie Bluetooth (o anche a un altoparlante Bluetooth) e riprodurre musica o podcast ovunque senza un telefono nelle vicinanze. Il Venu ha 4GB di memoria musicale  (anche se leggermente meno spazio utilizzabile), e supporta i seguenti servizi di streaming musicale per la riproduzione offline:

– Amazon Music
– Deezer
– Spotify
– iHeartRadio

Inoltre, naturalmente, è possibile trascinare i propri file musicali su di essi e configurare i podcast da scaricare. Tuttavia, il bit del podcast è per lo più un casino, poiché richiede una connessione al computer. Se invece volete i podcast, è meglio farlo all’interno di Spotify – che è quello che faccio io.

Tutto il resto funziona alla grande, però. Venu è in vantaggio rispetto alla Vivoactive 3 in termini di connettività musicale. I drop-out sono estremamente rari qui, anche con AirPods o PowerBeats Pro.

 

Precisione del GPS nel Garmin Venu

Non c’è probabilmente nessun argomento che susciti tanta discussione e passione quanto la precisione del GPS.

La precisione del GPS può essere vista in molti modi diversi, ma io preferisco guardarla usando una serie di dispositivi in scenari reali in un vasto numero di attività. Uso 2-6 altri dispositivi contemporaneamente, cercando di ottenere un quadro chiaro di come un dato set di dispositivi gestisce le condizioni di un determinato giorno. Le condizioni includono tutto, dalla copertura degli alberi/copertura degli edifici alle condizioni atmosferiche.

In un’area aperta, il Venu è superpreciso

Il Venu può essere destinato più al funzionamento/adattamento che all’esterno, ma il suo altimetro barometrico non è meno preciso. Dà anche risultati migliori del Fenix 5X Plus, la cui lettura dell’altitudine deriva nel tempo (probabilmente un cambiamento del tempo).

L’ultima versione del sensore cardio ottico Garmin ha dato risultati abbastanza buoni nei miei test precedenti. Ma è bene ripetere i test ogni volta, perché gli aggiornamenti del software cambiano spesso i risultati – a volte buoni, a volte meno.

Tracciamento delle attività di Garmin Venu

Il monitoraggio 24 ore su 24 va ben oltre l’effettivo monitoraggio dell’attività. Si tratta di una batteria di misurazioni che coprono lo stato di forma fisica e di salute su base 24×7, con:

Frequenza cardiaca (è possibile programmare un allarme HR anormale)
Ossigenazione del sangue (utilizzata solo in un contesto di salute e non per l’acclimatazione in altitudine)
Numero di passi
Distanza
Numero di piani
Minuti intensivi
Calorie bruciate
Batteria del corpo
Livello di stress
Dormire
Ciclo mestruale (funziona solo se si imposta il genere femminile su Garmin Connect)
Tasso respiratorio (nuovo)
Idratazione (nuovo)

Body Battery

La batteria del corpo è un indicatore interessante perché combina i dati del dispendio energetico (sport, shopping, lavoro manuale in piedi, stress, ecc.) e il recupero energetico (sonno, sonnellino, tempo di calma sul divano per guardare un film, ecc.)

Devo ammettere che con il Venu, l’allarme per i livelli di stress elevati è scattato più volte durante la settimana. Quando ciò accade,  Venu offre la possibilità di un esercizio di respirazione guidata per calmarsi. Ma ehi, l’allarme è scattato anche quando non mi sono sentito particolarmente turbato!

Lo strumento di respirazione guidata è il più avanzato sul mercato. Con altre marche, consiste semplicemente nel rispettare un ritmo di respirazione regolare, collegando l’ispirazione, la costrizione, l’espirazione, la costrizione, ecc. Lì ci sono sedute assolutamente diverse, con obiettivi diversi di coerenza, rilassamento, tranquillità) e progressioni diverse.

Ultimo aggiornamento 2021-02-21 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API